Vai direttamente al MENU DI NAVIGAZIONE
Vai direttamente al CONTENUTO
RICERCA
Stemma della Città di Desenzano del Garda Città di Desenzano del Garda

Tassa sui Servizi Indivisibili

L'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) E LE SUE COMPONENTI: IMU, TASI E TARI

La Legge 27/12/2013 n. 147 ha istituito la nuova Imposta Unica Comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore; l'altro collegato all'erogazione e fruizione di servizi comunali.
La IUC è formata da tre componenti:

  1. Imposta Municipale Propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali;
  2. Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) destinato alla copertura dei costi per i servizi indivisibili;
  3. Tassa sui Rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.

Tutti i pagamenti vanno effettuati con il modello F24. In caso di errore dell'intermediario (Banca / Posta) o del contribuente, consultare le istruzioni.

Le informazioni di questa sezione sono relative alla componente TASI della IUC.


NOVITA' - TASI 2016 ABOLITA PER TUTTI GLI IMMOBILI

Per il 2016 a Desenzano la TASI è stata abolita per tutte le unità immobiliari.

Con deliberazione di Consiglio comunale n. 7 del 7/3/2016 è stata stabilita un'aliquota pari a zero per immobili e terreni di qualunque tipo.


TASI 2015 CON ALIQUOTE INVARIATE E DETRAZIONI PIU' FAVOREVOLI

Per l'anno 2015 le aliquote TASI, approvate con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 31.03.2015, risultano invariate.
Tuttavia quest'anno le detrazioni più favorevoli sono le seguenti:

  • Detrazione di 195,00 Euro da applicare alle unità immobiliari e relative pertinenze (una per ogni categoria catastale) di rendita catastale fino a 350,00 Euro;
  • Detrazione di 120,00 Euro a tutte le unità immobiliari e relative pertinenze (una per ogni categoria catastale) con una rendita superiore a 350,00 Euro;
  • Estensione della detrazione di cui al punto precedente anche alle categorie catastali A/7 (rimangono pertanto escluse dalla detrazione solo le categorie catastali A/1 e A/8);
  • Ulteriore detrazione di 50,00 Euro per ciascun figlio fiscalmente a carico di età non superiore a diciotto anni, con riferimento alla situazione anagrafica al 1° gennaio 2015 (per un massimo di 200,00 Euro).
  • Ulteriore detrazione di 50,00 Euro per la presenza nel nucleo famigliare di disabili.

Le scadenze sono le seguenti:

  • 1° rata ACCONTO 16 giugno 2015
  • 2° rata SALDO 16 dicembre 2015

Prima della scadenza della rata di acconto verranno inviati, direttamente a casa, i modelli F24 precompilati con gli importi da versare che terranno conto dei dati in possesso del Comune.

Per il calcolo si può utilizzare il servizio gratuito a cura di Amministrazioni comunali.it: calcolo TASI e stampa modello F24


SALDO TASI 2014 CON ALIQUOTE INVARIATE

Le aliquote TASI sono state stabilite con deliberazione di Consiglio comunale n. 38 del 19/05/2014 e non hanno subito variazioni.
Il saldo deve essere versato entro il 16 dicembre 2014 tramite il modello F24 (per versamenti superiori a 1.000 euro vedi le note).
I contribuenti già in possesso di un modello F24 precompilato dall'Ufficio Tributi al momento dell'acconto, possono utilizzarlo per il saldo.

L'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) E LE SUE COMPONENTI: IMU, TASI E TARI

NOVITA': calcolo on line dell'imposta

La Legge 27/12/2013 n. 147 ha istituito la nuova Imposta Unica Comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore; l'altro collegato all'erogazione e fruizione di servizi comunali.
La IUC è formata da tre componenti:

  • Imposta Municipale Propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali;
  • Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) destinato alla copertura dei costi per i servizi indivisibili;
  • Tassa sui Rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.

Le informazioni di questa sezione sono relative alla componente TASI della IUC.


TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI - TASI

La Legge n° 147/2013 ha istituito con decorrenza dal primo gennaio 2014 il Tributo
per i Servizi Indivisibili (TASI) che è una componente della IUC, delegando ai Comuni la sua regolamentazione sia in merito alle fattispecie immobiliari sottoposte a tassazione sia alle modalità di versamento e all'eventuale introduzione di agevolazioni riferibili all'abitazione principale e unità ad esse assimiliate.

Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 37 del 19/05/2014 è stato approvato il regolamento per l'applicazione della TASI e con deliberazione di Consiglio Comunale n.38 del 19/05/2014 sono state determinate le relative aliquote e detrazioni.

La TASI è dovuta nel Comune di Desenzano del Garda per gli immobili qualificati come abitazione principale ed equiparati.

La TASI si applica, pertanto, alle seguenti fattispecie:

  • l'abitazione principale e pertinenze. Per abitazione principale si intende l'immobile iscritto, o iscrivibile nel catasto edilizio urbano, come unica unità immobiliare nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Si considerano pertinenze le unità classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. Per le abitazioni principali (e relative pertinenze), diverse da quelle classificate in categoria A/1, A/8 e A/9, assoggettate a TASI non si applica l'IMU;
  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari e relative pertinenze. A tale fattispecie non si applica l'IMU;
  • l'unità immobiliare, comprese le relative pertinenze, possedute dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che la stessa non risulti locata. A tale fattispecie non si applica l'IMU;
  • l'unità immobiliare, comprese le relative pertinenz,e posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che no risulti locata. A tale fattispecie non si applica l'IMU;
  • la casa coniugale e relative pertinenze assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio. A tale fattispecie non si applica l'IMU;
  • l'unico immobile, comprese le relative pertinenze, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalla Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica. A tali fattispecie non si applica l'IMU;
  • restano vigenti tutte le ulteriori esenzioni previste dalla normativa vigente in materia di TASI.

Nel caso di pluralità di possessori il tributo viene complessivamente determinato tenendo conto delle quote di possesso di ciascun titolare del bene medesimo.

La base imponibile, per la determinazione del tributo, è la stessa prevista per l'applicazione dell'IMU.
Per tutte le tipologie di immobili alle quali si applica l'aliquota dello 0,33% (abitazione principale del possessore e pertinenze, nonché per le unità immobiliari ad essa equiparate) la TASI deve essere calcolata nel seguente modo:

R.C. = Rendita Catastale x 1,05 (maggiorazione)
Valore Imponibile = R.C. x 160
Tributo annuo lordo = Valore Imponibile x 0,33 per cento
All'imposta dovuta per l'abitazione principale ed equiparate alle sole categorie A/2, A/3, A/4, A/5 e A/6 si applicano:

  • Euro 120,00 di detrazione rapportata al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione e qualora l'unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale tale destinazione medesima si verifica;
  • ulteriore detrazione di Euro 50,00 per ciascun figlio fiscalmente a carico di età non superiore a diciotto anni, con riferimento alla situazione anagrafica al 1° gennaio 2014, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e per un importo massimo pari a 200,00 Euro;
  • ulteriore detrazione di Euro 50,00, rapportata al periodo dell'anno durante il quale si protrae la destinazione, in favore dei soggetti passivi d'imposta nel cui nucleo famigliare siano presenti uno o più invalidi ovvero disabili portatori di handicap regolarmente riconosciuti con invalidità al 100% ed alle seguenti condizioni:
  1. possesso della sola unità immobiliare adibita ad abitazione principale e sue pertinenze;
  2. i componenti del nucleo familiare non devono possedere altre unità immobiliari, anche al di fuori del Comune di Desenzano del Garda, a titolo di proprietà, usufrutto, uso o abitazione;

In base alle disposizioni regolamentari approvate è prevista:

  • la riduzione del 50% della base imponibile TASI per i fabbricati di interesse storico o artistico di cui all'art. 10 del D. Lgs. n° 42/2004;
  • la riduzione del 50% della base imponibile TASI per i fabbricati dichiarati inagibili/inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistano dette condizioni. Per la definizione dell'inagibilità o inabitabilità si rinvia all'articolo 6, comma 8, del regolamento comunale per l'applicazione della TASI.

Il versamento della TASI per l'anno in corso si effettua in due rate di pari importo alle scadenze sotto indicate. E' facoltà del contribuente versare in unica soluzione entro il 16 giugno l'intero importo annuale (art. 9, comma 3, D. Lgs. n° 23/2011
richiamato dall'art. 1, comma 1, lettera b), d.l. n° 16/2014 convertito, con modificazioni, dalla L. n° 68/2014)

  • entro il 16 giugno la prima rata, oppure l'intera imposta annua;
  • entro il 16 dicembre il saldo.

Qualora l'importo dovuto per singole rate sia pari od inferiore a Euro 30,00 annui, il versamento deve essere effettuato in unica soluzione entro il 16 giugno.

Non è dovuto alcun versamento se l'importo è inferiore a Euro 12,00

La TASI dovuta al Comune di Desenzano del Garda deve essere versata in autoliquidazione con la seguente modalità:

Modello F24. Per il versamento dovranno essere utilizzati i seguenti codici tributo
determinati dall'Agenzia delle Entrate con Risoluzione n° 46/E del 24/04/2014:

  • 3958 denominato: TASI - tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze.

Sarà possibile effettuare il pagamento anche mediante bollettino di conto corrente postale, appena sarà reso disponibile presso gli uffici postali.

Il codice catastale del Comune di Desenzano del Garda è D284.

Si informano i contribuenti che è disponibile un mini-sito collegato alla banca dati catastale che effettua il calcolo on-line dell'imposta e la stampa del modello F24.

Per consultare le rendite catastali é possibile collegarsi al sito dell'Agenzia del Territorio accedendo alla sezione Servizi catastali e ipotecari online - consultazione personale.


Link utili

 


Settore Tributi

Via Carducci, 4 (1° piano) - Tel. 030 9994230 / 210 - Fax 030 9143700
E-mail tributi@comune.desenzano.brescia.it
Aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 - giovedì anche dalle 14.30 alle 17.30


Agg. 09/08/2016

 
Sito istituzionale della città di Desenzano del Garda
Via Carducci, 4 - 25015 Desenzano del Garda (BS) - Tel. 0309994211 - Fax 0309143700
C.F. 00575230172 - P.I. 00571140987
Contatti (telefono, e-mail) - PEC (posta elettronica certificata) - Servizi comunali certificati ISO 9001:2008