Vai direttamente al MENU DI NAVIGAZIONE
Vai direttamente al CONTENUTO
RICERCA
Stemma della Città di Desenzano del Garda Città di Desenzano del Garda

IMU - Imposta Municipale Propria

IMU


ALIQUOTE I.M.U. 2013

Con deliberazione di Consiglio comunale n. 87 del 29.11.2013, immediatamente eseguibile, l'Amministrazione comunale ha rideterminato le aliquote dell'Imposta municipale propria (I.M.U.) per l'anno 2013, precedentemente definite con deliberazione di Consiglio comunale n. 18 del 10.04.2013; ciò per far fronte alle esigenze di bilancio a seguito del taglio delle assegnazioni da federalismo municipale ricevute dallo Stato previsto dalla Legge 135/2012, la cui quantificazione è stata puntualmente resa nota ai Comuni solo nei giorni scorsi.

Pubblicazione deliberazioni aliquote IMU anno 2013 ai sensi dell'art. 8, comma 2, del D.L. 31/8/2013, n. 103 convertito con modificazioni in Legge 28/10/2013, n. 124

Desenzano del Garda, 2 dicembre 2013


NOVITA' - SALDO 2013

Il Decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 281 del 30.11.2013, dispone l'abolizione della seconda rata dell'Imu per:

  • l'abitazione principale, ad eccezione degli immobili classificati nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici e storici).
  • le unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché gli alloggi regolarmente assegnati dall'ATER;
  • i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, di cui all'articolo 13, comma 5, del decreto-legge n. 201 del 2011, solo se posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201 del 2011.

Inoltre, il Decreto legge del 31 agosto 2013, n. 102, convertito dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124, ha stabilito che:

  1. per l'anno 2013 non è dovuta la seconda rata dell'Imu relativa ai fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fino a quando permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati.
  2. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, sono equiparate all'abitazione principale.
  3. non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell'applicazione della disciplina in materia di IMU concernente l'abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare, purchè il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9, che sia posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonche' dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. Per l'anno 2013, la disposizione di cui al primo periodo si applica a decorrere dal 1º luglio.

N.B. Ai fini dell'applicazione dei benefici citati ai punti da 1 a 3, il soggetto passivo presenta, a pena di decadenza entro il termine del 30 giugno 2014, apposita dichiarazione Imu su modello ministeriale, con la quale attesta il possesso dei requisiti e indica gli identificativi catastali degli immobili ai quali il beneficio si applica.

Vedi anche il mini-sito sull'IMU con possibilità di calcolo dell'imposta (browser Explorer 8 o Firefox).


Che cos'è l'IMU?
E' una imposta istituita nel 2012 per la tassazione della casa adibita ad abitazione principale e relative pertinenze, che dal 2008 erano state esentate.
Sostituisce l'Imposta Comunale sugli Immobili (ICI) anche per tutte le altre tipologie (terreni, aree edificabili e fabbricati diversi dalle abitazioni principali e pertinenze) ed assorbe il prelievo fiscale dell'IRPEF e le relative addizionali (regionali e comunali) sui redditi fondiari degli immobili non locati. Ne deriva che, per gli immobili dati in affitto, l'IMU è sostitutiva solo dell'ICI e quindi tali immobili saranno soggetti all'applicazione dell'IRPEF e delle relative addizionali, salvo la possibilità per le persone fisiche di esercitare l'opzione "cedolare secca".

Chi deve pagare l'imposta?
Sono tenuti al pagamento dell'imposta: il proprietario dell'immobile oggetto di imposizione ovvero i titolari dei diritti reali quali usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, nonché il locatario finanziario (leasing) e il concessionario di aree demaniali.
Poiché il codice civile riserva al coniuge superstite il diritto di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare, se era di proprietà del defunto o di proprietà di entrambi i coniugi, il coniuge superstite diventa in tal caso l'unico soggetto passivo dell'IMU, indipendentemente della quota di possesso spettante all'apertura della successione.

Link utili

N.B. Per il mini-sito ed il calcolo occorre il browser Explorer 8 o Firefox


Settore Tributi

Via Carducci, 4 (1° piano) - Tel. 030 9994230 / 210 - Fax 030 9143700
E-mail tributi[at]comune.desenzano.brescia.it
Aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 - giovedì anche dalle 14.30 alle 17.30


Agg. 2/12/2013

 
Sito istituzionale della città di Desenzano del Garda
Via Carducci, 4 - 25015 Desenzano del Garda (BS) - Tel. 0309994211 - Fax 0309143700
C.F. 00575230172 - P.I. 00571140987
Contatti (telefono, e-mail) - PEC (posta elettronica certificata)