Vai direttamente al MENU DI NAVIGAZIONE
Vai direttamente al CONTENUTO
RICERCA
Stemma della Città di Desenzano del Garda Città di Desenzano del Garda

Qualità dell'aria a Desenzano del Garda


Per migliorare la qualità dell'aria in Lombardia sono in vigore:

  • misure permanenti previste dal PRIA - Piano regionale degli interventi per la qualità dell'aria;
  • misure stagionali valide dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno;
  • ulteriori misure temporanee che possono scattare in alcuni Comuni al superamento del livello di polveri PM10.

NOVITA': dal 2018 le limitazioni permanenti riguardano anche i veicoli diesel e i generatori di calore a biomassa legnosa (stufe, caminetti, ecc.).


VEICOLI - misure permanenti in vigore in Lombardia

Limitazioni permanenti alla circolazione

AUTOVEICOLI EURO 0 BENZINA E DIESEL ED EURO 1 E 2 DIESEL
Sono valide tutto l'anno le limitazioni permanenti per gli autoveicoli Euro 0 benzina e diesel e Euro 1 e 2 diesel nei Comuni lombardi di fascia 1 e fascia 2 (compreso quindi Desenzano, che è in fascia 2).

AUTOVEICOLI EURO 3 DIESEL
Le limitazioni per gli autoveicoli Euro 3 diesel sono in vigore dal 1° ottobre al 31 marzo dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali, dalle ore 7.30 alle ore 19.30, nei Comuni di fascia 1 e in quelli di fascia 2 con popolazione superiore a 30.000 abitanti,escluso quindi Desenzano del Garda.

MOTOCICLI E CICLOMOTORI A DUE TEMPI
Per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione permanente sul territorio regionale tutto l'anno, 24 ore su 24. Motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 1 non possono circolare dal 1°ottobre al 31 marzo dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali, dalle ore 7.30 alle ore 19.30, nei Comuni di fascia 1. Non riguardano quindi Desenzano del Garda.

POSSONO SEMPRE CIRCOLARE

  • veicoli elettrici leggeri da città, ibridi e multimodali;
  • veicoli muniti di impianto a gas naturale o gpl;
  • veicoli a gasolio omologati Euro 5;
  • veicoli con a bordo almeno tre persone;
  • veicoli di riconosciuto interesse storico o collezionistico;
  • motoveicoli e ciclomotori a quattro tempi, anche se omologati Euro 0;
  • veicoli dei mercati settimanali scoperti e dei mercati all'ingrosso;
  • veicoli per il trasporto di persone sottoposte a terapie indifferibili;
  • veicoli dei lavoratori con turni che impediscono l'uso dei mezzi pubblici;
  • altre categorie particolari (vedi l'elenco completo sul sito di R.L.)

La sospensione del provvedimento di fermo della circolazione può essere disposta dalla Regione Lombardia a seguito di eventi eccezionali a carattere meteo-climatico e sociale, quali gli scioperi del Trasporto Pubblico Locale.
I controlli sul rispetto delle limitazioni alla circolazione dei veicoli sono effettuati dai soggetti che svolgono servizi di polizia stradale. La sanzione varia da € 75,00 a € 450,00 ai sensi dell'art. 27 della Legge regionale n. 24/06.
I Comuni non possono concedere deroghe al di fuori di quelle previste dai provvedimenti regionali.

Per migliorare la qualità dell'aria, Regione Lombardia e il Sistema camerale lombardo hanno emanato il bando Rinnova Veicoli per incentivare le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) a rottamare i veicoli commerciali inquinanti, acquistando un nuovo veicolo a basso impatto ambientale. Il bando prevede contributi a fondo perduto da 4.000 a 10.000 euro e scade il 10/10/2019.

IN SINTESI, A DESENZANO NON possono più circolare:

  • Autoveicoli a benzina Euro 0 (lu-ve 7.30-19)
  • Autoveicoli diesel Euro 0, 1 e 2 (lu-ve 7.30-19)
  • Motoveicoli e ciclomotori a due tempi Euro 0

VEICOLI - misure temporanee di 1° e 2° livello in vigore in Lombardia

Limitazioni 1° livelloLimitazioni 2° livello

Con d.G.R. n. 7095 del 18 settembre 2017, in attuazione dell'Accordo di bacino padano, è stato approvato un nuovo sistema di riferimento per individuare le situazioni di accumulo degli inquinanti. Salvo l'adesione volontaria dell'Ente, le procedure si applicano dal 1° ottobre al 31 marzo nei Comuni con popolazione superiore ai 30.000 abitanti delle fasce 1 e 2, con esclusione quindi di Desenzano del Garda.
Le eventuali misure si articolano su due livelli in base al superamento del limite di PM10 (50 μg/m3) registrato dalle stazioni di riferimento (per più di 4 giorni 1° livello o per più di 10 giorni 2° livello). La rilevazione viene effettuata nei giorni di lunedì e giovedì. Le misure temporanee, da attivare entro il giorno successivo a quello di controllo, restano in vigore fino al controllo successivo.
I dati della centralina Arpa di Lonato hanno registrato, nel periodo ottobre 2017-ottobre 2018, il superamento del livello di attenzione di PM10 durante 20 giornate (contro le 44 dello stesso periodo del 2016-17). Nello stesso periodo, la soglia di primo livello è stata superata una sola volta per più di 5 giorni consecutivi.

IN SINTESI, A DESENZANO NON si applicano automaticamente le limitazioni temporanee alla circolazione di 1° e di 2° livello.


ABITAZIONI

Llimitazioni abitazioni

A seguito della sottoscrizione dell' Accordo del bacino padano e dell'aggiornamento del PRIA disposto con DGR n. 449 del 2/8/2018, sono in vigore nuove disposizioni per l'installazione e l'utilizzo dei generatori di calore a biomassa legnosa (stufe, caldaie, caminetti, cucine ecc.). In particolare in tutto il territorio regionale è vietato:

  • installare generatori di calore alimentati da biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a "3 stelle" e, dall'1/1/2020, inferiori a "4 stelle";
  • utilizzare generatori di calore alimentati da biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a "2 stelle"e, dall'1/1/2020, inferiori a "3 stelle";
  • utilizzare nei generatori di calore di potenza termica inferiore a 35 kW pellet di qualità non conforme alla classe A1.

I cittadini possono acquisire le informazioni sul rendimento termico rivolgendosi alle aziende costruttrici.
I controlli sono effettuati dalla Provincia nell'ambito delle verifiche sugli impianti termici.
La sanzione in caso di inosservanza è disciplinata dall'art. 27, comma 4, della Legge regionale n. 24/06 (da 500 a 5.000 €).

IN SINTESI, A DESENZANO NON si possono utilizzare generatori di calore con classe di rendimento 0 o 1 stella (sicuramente tutti i caminetti e le stufe non certificate), mentre i nuovi impianti devono essere almeno in classe 3 stelle. Dal 2020 scattano i limiti con una stella in più.


RESIDUI VEGETALI AGRICOLI E FORESTALI

In generale, la combustione di residui vegetali è vietata dal Testo Unico Ambientale (D.Lgs n. 152/06). Sono ammesse alcune deroghe per finalità agricole.
In Lombardia, è possibile effettuare la combustione in loco di piccoli cumuli (inferiori a 3 metri steri per ettaro) nei Comuni a quota superiore ai 300 m (200 m nel caso di Comunità montane). Nei Comuni a quota inferiore, come Desenzano, la combustione è vietata dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno.
In tale periodo, solo nelle zone impervie o non raggiungibili, la combustione in loco in piccoli cumuli può essere eseguita previa comunicazione al Comune e rispettando specifiche modalità e condizioni.

IN SINTESI, A DESENZANO la combustione all'aperto di residui vegetali agricoli o forestali è disciplinata dall'ordinanza sindacale n. 42 del 2014 (in corso di revisione).


INFORMAZIONI E LINK


ALLEGATI

 


Agg. 06/11/2018

 
Sito istituzionale della città di Desenzano del Garda
Via Carducci, 4 - 25015 Desenzano del Garda (Bs) - Tel. 0309994211 - Fax 0309143700
C.F. 00575230172 - P.I. 00571140987
Contatti - PEC - Certificazione ISO 9001